Talfeti

interior design

UOVA DI GESSO DECORATE

Uova di gesso decorate in tre diversi modi

Ti presento questo semplice tutorial di Pasqua su come fare simpatiche uova di gesso decorate. Facili e veloci da realizzare ti spiegherò passo dopo passo come crearle e poi ti mostreo tre modi diversi per poterle decorare. Cominciamo…

COSA TI OCCORRE:

  • Gesso scagliola
  • Formine ovali (io ho recuperato l’involucro degli ovetti al cioccolato)
  • Ciotola
  • Nastro adesivo
  • Carta vetrata

MATERIALE PER LA DECORAZIONE DELLE UOVA:

  • Colori acrilici (bianco e oro)
  • Fazzoletti di carta o carta igienica
  • Foglia oro
  • Colla vinilica

COME PROCEDERE:

1)Se per realizzare queste uova di gesso decorate decidi di utilizzare l’involucro degli ovetti al cioccolato come ho fatto io, comincia creando un foro di circa un cm di diametro alla base delle formine e uniscile sigillandone i lati con del nastro adesivo.

recupera l'involucro di plastica degli ovetti al cioccolato, pratica un foro alla base , unisci le due meta e sigillale con del nastro adesivo.

2)Prepara il gesso, spolverando la scagliola in una piccola bacinella con acqua, quando la scagliola avrà quasi raggiunto la superficie dell’acqua mescola fiono a ottenere un liquido denso. Potrai regolare la densità del gesso liquido aggiungendo acqua oppure scagliola.

prepara in una ciotola d'acqua il gesso versandoci a pioggia la scagliola fino a ottenere un liquido denso.

3)Posiziona la formina a testa in giù con il foro verso l’alto sorreggendola con l’aiuto di una tazzina. Fai colare il gesso liquido all’interno del buco della formina fino a riempirla completamente. Dopo di che lascia riposare per circa 24 ore, il gesso si asciugherà e si indurirà.

versa il gesso liquido nel foro della formina, lascia riposare 24 ore fino a che si indurira completamente.

4)Una volta che il gesso sarà solidificato apri la formina ed estrai l’uovo di gesso, livella la superficie passandoci della carta vetrata sottile. L’uovo è adesso pronto per essere decorato a tuo piacimento.

una volta che il gesso si è indurito apri l'invollucro di plastica, estrai l'uovo in gesso e livellane la superficie con carta vetrata ora passa alla decorazione.

Vediamo ora come ho abbellito le mie tre uova di gesso decorate:

Uovo n. 1: vernicia l’uovo con colore acrilico bianco lascia asciugare e avvolgilo con delle strisce di scotch di carta. Dipingi ora l’uovo con colore acrilico oro, una volta asciutto togli lo scotch che rivelerà le parti bianche. Se vuoi proteggi il tutto con dello spray trasparente.

Uova di gesso decorate. uovo uno: applica sulla superficie piccole strisce di scotch di carta , colora l'uovo con acrilico oro. Asciugato il colore togli le strisce.

Uovo n.2: procurati della carta igienica o dei fazzoletti di carta e spezzettali con le mani, con l’aiuto di colla di colla vinilica diluita con acqua incolla i pezzetti di carta sull’uovo increspandola. Ricoprilo interamente e lascia asciugare. una volta asciugato strofina leggermente una spugnetta o un pennello asciutto con del colore acrilico oro.

Uova di gesso decorate. uovo 2: ricopri l'uovo con pezzetti di fazzoletti di carta increspandola e usando colla vinilica e acqua. Strofina sulla superficie una spugnetta con del colore oro.

Uovo n.3: dipingi l’uovo con una base bianca, e applica la foglia d’oro a pezzettini aiutandoti con la colla apposita (ma anche la normale colla vinilica va bene) ma attenzione a metterla solo sul gesso e non sulla foglia, lascia asciugare poi spolvera con un pennello morbido la foglia d’oro in eccesso. Anche qui se vuoi puoi proteggere il tutto con dello spray acrilico trasparente.

uova di gesso decorate. uovo 3: applica sulla superficie la foglia d'oro a pezzetti con colla vinilica, togli l'eccesso della foglia con un pennello morbido.

Io ti ho mosrato come ho decorato le mie uova di gesso ma tu potrai decidere se farle tutte diverse oppure tutte uguali e soprattutto con i colori che preferisci.

Le uova di gesso decorate che hai realizzato potrai usarle come decorazione, ma anche come soprammobile, segnaposto o fermacarte in quanto essendo in gesso sono più pesanti rispetto alle uova decorative in plastica o polistirolo.

composizione di uova di gesso decorate all'interno di un nido realizzato con veri legnetti.

Ecco una semplice ed efficace composizione decorativa per Pasqua, se ti piace anche il nido decorativo di Pasqua che vedi nella foto e vuoi sapere come realizzarlo segui il link del tutorial.

ALBERO DI NATALE IN CARTONCINO

Albero di natale in cartoncino 3d

Bastano pochi materiali anche di recupero per realizzare questo Albero di Natale in cartoncino, segui passo per passo questo tutorial e otterrai una bellissima decorazione per la tua casa.

TI OCCORRE:

  • Cartoncino di recupero
  • Carta decorata (quella per i pacchi regalo andrà benissimo)
  • Taglierino
  • Colla
  • Colore acrilico a piacere (facoltativo)

COME PROCEDERE:

1)Stampa una fotocopia, o ricalca la sagoma, di un albero di Natale stilizzato e ritagliala, quella della foto è alta circa 18cm.

Sagoma di un albero di natale stampata da internet

2)Poni il ritaglio dell’albero di Natale così ottenuto sul cartoncino e ricava con una matita due sagome uguali, dopo di che ritagliale dal cartoncino con il cutter.

riportare la sagomasu di un cartoncino e ritagliarla
ritagliare due sagome dell' albero di natale dal cartoncino

3) All’interno delle sagome dell’albero dovrai, su ciascuna, disegnare esattamente a metà della larghezza una fessura larga quanto lo spessore del cartoncino che stai utilizzando. Una sagoma dovrà avere la fessura che parte dalla base dell’albero fino a metà dell’altezza; l’altra sagoma avrà la fessura che parte dalla punta dell’albero fino a metà altezza. Ritagliale.

Queste fessure serviranno a incastrare perpendicolarmente le due sagome e ottenere un albero di natale in cartoncino tridimensionale, che stia quindi in piedi da solo.

ricavare due fessure a l centro dell'albero:una dalla base a meta altezza, l'altra dalla punta a metà altezza

4)Prendi una delle due sagome in cartoncino e usala per disegnare e ritagliare due sagome uguali da un foglio di carta decorata. Incolla le due sagome di carta decorata sul cartoncino fronte/retro.

scegli una delle due sagome e riporta il disegno sul foglio di carta decorata ritagliane due
incolla i due ritagli di carta decorata su fronte retro della sagom in cartoncino

5)Per quanto riguarda l’altra sagoma dell’albero di Natale in cartoncino, dipingila fronte/retro con colore acrilico oro (o qualunque altro colore tu preferisca).

color la seconda sagoma in acrilico oro
sagoma colorata in oro fronte e retro

6)Ora incastra le due sagome perpendicolarmente in modo da creare un albero in 3D che stia in piedi da solo.

due sagoma di albero di natale una colorata in oro l'altra decorata con carta fantasia
le di sagome incastrate perpendicolarmente grazie alle fessure formano un albero in 3d

Ecco pronta la tua decorazione: un albero di Natale in cartoncino!

Ora che hai appreso i passaggi potrai realizzarne quanti ne vuoi, nei colori e nelle dimensioni che preferisci. Usali per decorare la tua casa creando deliziose composizioni oppure come centrotavola durante le feste natalizie.

FIORE NATALIZIO CON ROTOLI DI CARTA IGIENICA

decorazioni natalizie con rotoli di cartaigienica

Realizza con questo tutorial divertenti e simpatiche decorazioni natalizie con rotoli della carta igienica e poi colorale a tuo piacimento: una valida alternativa fai-da-te ai classici addobbi natalizi, facile, divertente, e soprattutto economica.

TI OCCORRE:

  • Tubi in cartoncino di rotoli di carta igienica o scottex
  • Colla a caldo
  • Forbici
  • Gemme di vetro o bottoni
  • Colore spray
  • Filo o nastro
occorrente: tubi in cartoncino dei rotoli di carta igienica, forbici, colla caldo, filo o nastro, colore spray, gemme di vetro o bottoni

COME PROCEDERE:

1)Appiattisci il rotolo di cartoncino e taglia degli “anelli” di circa 1cm di spessore.

appiattisci il rotolo e ritaglia degli anelli larghi  1cm

2)Incolla gli anelli, schiacciati a formare uno spicchio, tra di loro all’estremità in modo da formare un fiore di 6 petali.

forma con gli anelli appiattiti a spicchio un fore di sei petali

4)Inserisci altri anelli/petali tra un petalo e l’altro per arricchire il fiore natalizio

aggiungi altri spicchi di cartoncino tra un petalo e l'altro

4)Puoi sbizzarrirti con altri anelli piegati in due per formare diverse composizioni di petali e quindi differenti fiori. Non mettere limite alla fantasia.

puoi realizzare diverse tipologie di fiori per creare diverse decorazioni natalizie con rotoli di carta igienica
realizza fiori diversi

5)Colora a piacimento i fiori ottenuti con bombolette spray o con pennello e colori acrilici se preferisci.

una volta terminate le tue decorazioni natalizie con rotoli di carta igienica colorale con lo spray

6)Se vuoi puoi decorarli ulteriormente con glitter. Ti basterà spalmare della colla vinilica nei punti che vuoi decorare e spargervi sopra i glitter. Lascia asciugare.

puoi aggiungere dei glitter

7)Incolla al centro di ogni fiore la gemma di vetro o in alternativa il bottone che avrai precedentemente colorato dello stesso colore.

8)Aggiungi ad uno dei petali il filo di nylon o un nastro per poterli appendere ed ecco pronte le tue decorazioni natalizie con rotoli di carta igienica. Degli eleganti fiori ricavati da semplice cartoncino di recupero.

Trovo che non ci sia niente di più soddisfacente che realizzare con le proprie mani delle semplici ma deliziose creazioni recuperando del semplice e umile materiale da cui siamo circondati ogni giorno e che normalmente butteremmo nella spazzatura. Sei daccordo?

Potrai appendere le tue nuove decorazioni natalizie dove vuoi : all’albero di Natale, a un ramo decorativo posto in un vaso oppure attaccarle com chiudipacco a una confezione regalo.

Spero che questo tutorial ti sia piaciuto!

COME DIVIDERE CUCINA E SOGGIORNO

Spesso ci si ritrova ad avere la cucina che dà direttamente sul soggiorno. Questa situazione si trova, per ovvi motivi, sia negli appartamenti a metratura ridotta sia in appartamenti più ampi nei quali il locale che prima ospitava la cucina viene ristrutturato per ricavare un ulteriore locale come una stanza per il nuovo nascituro o uno studio. Come dividere cucina e soggiorno situate in un unico locale?

Al giorno d’oggi la cucina o angolo cottura unita alla zona giorno ti offre non solo una massimizzazione dello spazio ma anche una soluzione per una maggiore convivialità e possibilità di conversazione con eventuali ospiti mentre sei ai fornelli.

Vediamo ora come separare visivamente le due zone, ecco alcune idee:

DIVIDERE CON IL COLORE

Ovviamente è importante che ci sia continuità di colore in un open space; ma, per dividere cucina e soggiorno, puoi leggermente accentuare l’area della cucina definendola con una campitura di colore ( adeguata alla palette di colori presenti nella tua casa).

Dipingerai quindi le pareti e magari anche il soffitto creando una sorta di “scatola” che ospita gli arredi della cucina. Oppure creando una sorta di cornice.

DIVIDERE CUCINA E SOGGIORNO CON GLI ARREDI

La soluzione immediata per dividere cucina e soggiorno può essere collocando il divano con la spalliera rivolta alla cucina, in questo modo sarà anche possibile, in base allo spazio che hai a disposizione, appoggiare allo schienale un mobile contenitore della stessa altezza, magari che accolga gli oggetti della cucina o una piccola libreria oppure una consolle con sedie che funga da tavolo da pranzo.

In effetti anche il tavolo da pranzo può dividere la cucina dal soggiorno meglio ancora se appoggiato a ridosso dello schienale del divano.

Se lo spazio è piccolo una stretta penisola che chiude l’angolo cottura formando una “U” separerà mantenendo comunque continuità; otterrai così un ulteriore piano di lavoro oppure fungerà da tavolo da pranzo se non c’è lo spazio per quest’ultimo, puoi posizionarla ad altezza cucina oppure più alta con sgabelli e dovrà essere dotata di punto luce.

DIVIDERE CON ELEMENTI VERTICALI

Una soluzione che viene utilizzata spesso per dividere gli ambienti è l’utilizzo di una libreria. Adatta quindi anche per dividre cucina e soggiono. In questo sono spesso venute in aiuto le scaffalature ikea, componibili a piacimento, da utilizzare come separè meglio se sprovviste di schienale in modo da lasciar oltrepassare la luce e lo sguardo.

Lo stesso risultato ma ancora meno ingombrante lo puoi ottenere utilizzando listelli di legno, facilmente reperibili, a tutta altezza ancorati quindi tra pavimento e soffitto, che formino una sorta di grata che separa visivamente ma lascia passare la luce.

DIVIDERE CUCINA E SOGGIORNO CON UNA QUINTA

Utilizzare una quinta, a metà altezza oppure fino al soffitto ma stretta, può essere l’idea risolutiva che separa senza senza dividere. Una quinta altro non è che un pannello realizzato in cartongesso ma a volte anche solo con pannelli in legno. Puoi verniciarla con un colore in risalto o anche rivestirla di una carta da parati particolare per farla diventare il punto focale.

Una quinta, che sia centrale o appoggiata perpendicolarmente alla parete, può anche avere una funzione pratica; oltre alla funzione di dividere cucina e soggiorno può per esempio formare una nicchia che accoglie, e allo stesso tempo nasconde, una dispensa o addirittura il frigorifero dal lato della cucina. Dal lato del soggiorno diventa una parete dove appendere dei quadri o da appoggio al mobile tv.

Arredare un piccolo balcone

Nell’ultimo anno penso che tutti abbiamo appreso quanto sia importante avere uno spazio esterno.

Nel corso della bella stagione gli spazi esterni come balconi verande giardini e terrazze sul tetto possono essere trasformati in ulteriori preziosi spazi abitabili, necessari soprattutto alle abitazioni più piccole dove è importante sfruttare ogni cm2.

Dopotutto anche un piccolo spazio esterno può offrire i vantaggi di un ampio giardino; ti permette di oziare al sole, coltivare piante e fiori e mangiare all’aperto nelle belle giornate.

Per arredare un piccolo balcone non è necessario spendere grandi cifre.

Arredi

Sarà sufficiente personalizzarlo creando un angolo soggiorno esterno o un area relax semplicemente aggiungendo qualche minimo arredo ed elementi decorativi come piante o luci da esterno.

Collocandovi un semplice tavolino e un paio di sedie, o una panchetta (meglio ancora con vano contenitore) con un paio di cuscini, qualche pianta fiorita o aromatica profumata e una fonte luminosa, lo spazio sul balcone spesso ignorato sarà sicuramente più invitante.

Elementi salvaspazio

Se c’è poco spazio anche per il tavolino puoi semplicemente aggiungere un piano di appoggio sospeso alla balaustra o un ripiano pieghevole o a ribalta sufficiente per poterti bere un tè o un caffè o un aperitivo da soli o in compagnia. Può addirittura diventare un mini angolo studio all’aperto. Anche una seduta pieghevole può aiutare in uno spazio ristretto.

Angolo relax

Se vuoi ricreare una zona relax non possono mancare i cuscini su comode sedute o anche appoggiati direttamente a terra per ottenere una piccola accogliente oasi di benessere. Luci soffuse e candele profumate, una musica di sottofondo ti aiuteranno a creare la giusta atmosfera.

La siesta

Se sei amante della tintarella o ti piace crogiolarti al sole l’idea migliore è quella di posizionare uno sdraio di quelli pieghevoli anche un’amaca è un ottima idea se c’è la possibilità.

Pavimento

Un balcone può anche essere arredato con un tappeto in tessuto per esterni o una stuoia che oltre a coprire un pavimento non particolarmente bello ti permetterà di avere il piacere di camminare anche a piedi scalzi. Una interessante alternativa può essere utilizzare addirittura un rivestimento di erba finta. Soluzioni di impatto ed economiche.

Recupero

Non è certo necessario spendere grosse cifre per gli arredi esterni, per soluzioni low budget ti basterà utilizzare materiali di recupero come pallet e cassette o riciclare arredi vintage per dare un tocco di originalità, l’importante è uniformare il tutto con uno stile specifico o con il colore.

Elementi decorativi

La decorazione è fondamentale e può essere applicata anche su un balcone o un terrazzino puoi farlo con piante e fiori, sfruttare la verticalità in questi casi con mensoline o vasi in sospensione è l’ideale oppure appendendo suncatchers , campanelli, lanterne di candele fissandoli il meglio possibile.

Illuminazione

Per goderti il balcone nelle sere d’estate è fondamentale l’illuminazione, lanterne o le stringhe di luci da esterno sono decorative e creano un’atmosfera romantica.

Schermare

Per arredare un piccolo balcone creando un po’ di intimità e difendersi dagli sguardi è possibile rivestire il parapetto con rotoli di bambù , piante di bambù (ideali perché crescono in altezza), piante rampicanti o pannelli a graticcio di legno che potrebbero eventualmente anche ricoprire e nascondere una brutta superficie oltre a una non piacevole visuale.

Ribaltare la visuale

Può capitare che il panorama non sia dei migliori. Una soluzione oltre a quella di schermare la vista come descritto precedentemente è quella di invertire la visuale del balcone; vale a dire spostare la vista verso l’interno piuttosto che verso l’esterno.

Questo risultato lo puoi ottenere semplicemente spostando le sedute in modo che guardino verso l’interno della casa, otterrai così una sorta di prolungamento della stanza.

Finestra con ringhiera

Se non hai balconi ma solo una ringhiera non significa che tu non possa sfruttarla abbellendola con fiori cascanti e posizionando all’interno del locale di fronte ad essa una comoda seduta o un grosso cuscino a terra dove rilassarti, leggere o bere un caffè.

Ricorda che perfino i davanzali delle finestre sono cornici che diventano elementi di collegamento con il mondo esterno. Un paio di vasi appesi al parapetto per esempio creano un filtro verde che contorna la vista del panorama urbano, e se ci collochi fiori colorati e profumati moltiplicherai il piacere della vista e dei sensi.

Foto: exypnes-idees.gr

Per ulteriori ispirazioni ti lascio il link della mia bacheca pinterest dedicata ai mini balconi.

Spero di averti dato sufficienti spunti e idee. Dai vita alla tua creatività e buon lavoro!

ARREDARE IN 5 STEP

Arredare decorare o fare un vero e proprio relooking di un appartamento o una casa è sempre una stimolante e divertente opportunità di espressione personale.

Diventa ancora più stimolante se lo vuoi fare con un budget ridotto, che sia per necessità o per amore del recupero e riciclo creativo.

In questi casi infatti la necessità aguzza l’ingegno e la creatività, portando a soluzioni economiche ma di grande effetto. E’ questo ciò a cui mi piace sempre puntare: minima spesa massima resa.

Senza dimenticare che la nostra casa deve essere un luogo in cui le scelte estetiche che facciamo dovranno infonderci un senso di benessere e armonia.

Ciascuno ha bisogno del suo posto quale casa per l’anima e non scatola per il corpo” (O.Marc)

Qualunque sia l’identità che vuoi dare al tuo spazio, ci sono alcuni fattori che dovresti tenere presente, sia al fine di creare uno stile uniforme o comunque coerente sia per sfruttare al meglio gli spazi e ottimizzarne le caratteristiche.

Vediamo quali sono i 5 punti fondamentali per arredare uno spazio:

Step 1 : individua gli spazi

Organizza gli spazi e definiscine le funzioni in base alle tue necessità e priorità attuali tenendo conto più della praticità, soprattutto nel caso di superfici ridotte. Individua quindi ciò di cui hai realmente bisogno adesso.

Per esempio se cucinare è anche il tuo hobby darai maggiore spazio e attenzione all’organizzazione della cucina. Se ti piace ospitare amici e conversare dedicherai maggiore attenzione e spazio al soggiorno o alla zona pranzo. Se lavori a casa dovrai ricavarti uno spazio dedicato come ad esempio un angolo studio, e così via.

Nei piccoli appartamenti è importante la flessibilità degli spazi .Un ambiente flessibile è uno spazio che si presta a molteplici usi a seconda delle necessità.

Step 2: scegli lo stile.

Onde evitare confusione e incoerenza è bene scegliere un unico stile per tutta la casa per dare un senso di ordine e uniformità . In questo può venirti in aiuto internet dove poter cercare idee e ispirazioni, oppure qualche rivista di arredamento. Qualunque sia il tema che riflette i tuoi gusti ricorda che non è necessario seguire ogni particolare alla lettera, bastano alcuni dettagli per richiamare le caratteristiche tipiche di un certo stile, l’importante è che sia presente in tutti gli ambienti.

Step3 : colori e materiali .

Ecco il punto che ti consente di personalizzare maggiormente l’ambiente.

La scelta del colore non è un fattore puramente estetico, si tratta di creare la l’atmosfera desiderata, in questo può aiutare la creazione di una moodboard.

La moodboard altro non è che un pannello o una bacheca dove raggruppare diversi campioni di materiali, palette di colori o anche foto di arredi o suppellettili (tenendo presente anche quelli già esistenti se preferisci), in modo da scoprire l’effetto della loro combinazione. Fai diverse prove prima di prendere la decisione finale.

Per ulteriori ispirazioni dai un’occhiata alla mia bacheca pinterest dedicata alle palette e moodboards.

Step 4: arredi e complementi:

I mobili dovrebbero offrirti tutto il necessario per poter svolgere al meglio le tue attività quotidiane e allo stesso tempo fornire spazio per organizzare e contenere gli oggetti della casa e quelli personali.

Nei piccoli appartamenti è necessario tenere presente tutti quei mobili trasformabili e pieghevoli che assolvono a più di una funzione e che liberano spazio quando riposti.

Di regola è preferibile dare maggiore importanza agli arredi principali e quindi investire un po’ di denaro più in questi come ad esempio un divano letto, il materasso. Se invece vivi in affitto sarebbe meglio investire in beni che ti potranno seguire in un futuro trasloco oppure spenderne in proporzione alla durata nell’alloggio.

Infine per creare un’atmosfera personale e originale non è necessario riempire la casa di una moltitudine di oggetti e complementi di arredo. Se saprai accostare in modo equilibrato i vari elementi conferirai comunque una forte identità alla tua casa. Il segreto è saper combinare mobili e complementi dalle linee pulite o dai toni neutri con altri pezzi più audaci che daranno carattere all’insieme.

Step 5: illuminazione

Un modo semplice ed efficace per dare un nuovo volto alla tua casa è migliorare il modo in cui è illuminata, sia con luce naturale che artificiale.

Per quando riguarda la luce naturale è sufficiente evitare di schermare finestre con tessuti pesanti o scuri. Per mantenere la privacy ma lasciar passare la luce dovrai scegliere tessuti chiari e trasparenti o tende avvolgibili.

La luce artificiale intensifica la luce diurna nelle zone meno illuminate della casa e diventa principale sorgente luminosa nelle ore di buio.

Un’abitudine che dovresti evitare è quella di avere una sola fonte di luce centrale a soffitto. Il classico lampadario infatti tende a illuminare solo la parte centrale della stanza lasciando al buio gli angoli rendendo così lo spazio visivamente più piccolo.

La soluzione migliore è quella di aggiungere dei punti luce diffusi negli angoli della stanza con piantane, applique, faretti per illuminarla maggiormente e per ingrandirla.

Altri punti luce appositamente direzionati possono aumentare la visibilità in aree specifiche o dove svolgi particolari attività come l’angolo studio, il tavolo da pranzo o un angolo lettura. Opta per una luce bianca, non gialla, ti aiuterà a dare una percezione più ampia dello spazio.